Proprio tu, figlio mio! Conflitti e ambivalenze nella relazione genitori e figli

“Non c’è cosa peggiore per un figlio che le vite non vissute dai propri genitori”

Anonimo

Non sempre è facile riconoscere che l’ambivalenza e la conflittualità sono insite nelle nostre relazioni affettive, in particolare in quelle che coinvolgono i nostri figli. In realtà, qualunque genitore sperimenta come il processo di crescita di un bambino prima, e di un ragazzo poi, sia una continua messa in discussione della relazione e che questo processo sia ben lungi dall’essere completamente lineare e privo di conflitti, difficoltà e rabbia.

Ogni relazione genitore – figlio è un “mondo a sé” e vive difficoltà specifiche, nelle quali entrano inevitabilmente in gioco la storia personale di “quel padre” e di “quella madre” e il modo in cui, a loro volta come figli, sono stati “visti” e più o meno riconosciuti nella loro reale identità.

Di questi temi ho parlato lo scorso 26 febbraio presso il Centro Berne di Milano.

Per chi fosse interessato, ecco i materiali della serata

WK Proprio tu figlio mio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Genitori e figli, Maternita', Paternità e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...